siti

28 gennaio 2011

La mia storia su twitter: ciù accaunt is megl che uan!

Cari lettori, in particolare mi riferisco ai lettori di twitter: followers, non followers o semplicemente curiosoni. Scrivo questo post per spiegare le ragioni del doppio account visto che mi è stato chiesto da più di una persona.

Partiamo allora dalle origini.

Mettetevi tutti seduti, inizia il racconto schietto e sincero della mia favola su twitter.

C'era una volta una giovane (insomma è una favola, potrò decidere che età ho?) curiosa, molto curiosa, talmente curiosa da intraprendere un viaggio nel favoloso ma anche misterioso mondo 2.0. Sorvolando sull'esperienza feisbucchiana veniamo all'argomento del contendere: twitter. Era un giorno di metà Dicembre dell'anno 2009 quando decisi di iscrivermi, tanto per cazzeggiare (che poi è una delle mie attività preferite). Tutto iniziò dal cosiddetto nickname. Partendo dal mio nome anagrafico (Silvia), constatando che su twitter ci sono circa 345680947594028 Silvie, mi buttai nella sperimentazione dei nick. Silvietta, occupato. Sissi, occupato. Sissetta, occupato. Eccheccazzè proviamo con Sissetta80, libero. 

Inizia così la storia di @Sissetta80 su twitter, dapprima sommessamente con pochi tweet e pochi followers come è bene iniziare. Ben presto però i tweet diventarono il doppio, il triplo, il quadruplo...migliaia su migliaia insomma. Con i tweet arrivarono molti followers portati (così dicono) dalla mia folle schiettezza ai limiti del possibile. Si sa che dicendo sempre quello che si pensa si incappa anche in chi non si vuol sentir dire sempre la verità nuda e cruda. Per questo, essendo tutt'altro che pacifica e tollerante, amando all'inverosimile il confronto molti followers li ho lasciati per strada ma altri ne ho trovati.

Twittando twittando mi sono resa conto che spesso i miei 140 caratteri erano deliro allo stato puro e fu così che nacque l'idea di aprire un blogghettino "DelirataMente", dove dare libero sfogo al delirio che più assomiglia a un mare che a un fiumiciattolo di lettere.

In molti mi hanno voluto bene come Sissetta80 tanto da vincere l'ambito premio di "prezzemolina di Twitter" ai #tweetawards (mica miss Padania eh!).

Sapete però che la "pseudonotorietà" (e mi viene da ridere solo a dirlo) porta con se non solo invidie ma anche una sovraesposizione per la quale tutti si sentono in diritto di farsi i ca%%i tuoi. Arrivò così un bel giorno di fine novembre in cui fui costretta a cancellare il mio account per impedire di monitorare i miei tweet a chi, evidentemente, non aveva niente di meglio da fare. Scusate se non entro nei particolari di questo argomento ma penso che sia bene dare meno luce possibile a chi per sua scelta ha operato nell'ombra.

Non avendo alcuna intenzione di rinunciare a twitter, ho ovviamente creato in tempi record un nuovo account: @Sissettina (che ora è tornata ad essere @Sissetta80, essendo "donna de coccio" sono riuscita a recuperare il vecchio nickname). Ora il mio account è privato, un lucchetto mi permette di farvi intuire le mie emozioni molto più liberamente e magari di farvi capire quanta sensibilità ci può essere anche dietro a una persona apparentemente sfacciata e ipercritica.

Negli ultimi giorni ho creato un secondo account @DelirataMente. Account pubblico con il quale posso comunicare liberamente, discutere, confrontarmi con tutta twitter e non solo con i miei followers. Questo account porta il nome del mio blog perché uno dei suoi fini è quello di pubblicizzarlo e dargli una maggiore esposizione. I miei tweet qui, saranno pubblici, non parlerò della mia vita privata se non velatamente e saranno tutti sul filo del delirio.

Con questo post spero di aver chiarito le idee ai miei attuali e futuri followers premettendo però che non sono tenuta a spiegare ogni singola cosa che faccio su twitter e che siete liberi di seguire o l'uno o l'altro account o nessuno dei due.  Ho un account per me stessa, le mie emozioni, la mia vita e uno per i miei deliri. Ci sono persone che su twitter hanno 1000 account per pubblicizzare le loro 1000 attività manageriali, imprenditoriali, SEO, CEO e transgender quindi non venite a fare la morale a me anche perché io di morale ne ho una ed è totalmente indipendente dal giudizio degli altri.

Con quest'ultima dimostrazione della mia stronza schiettezza penso di avervi chiarito un po' le idee.

Al prossimo delirio.

13 commenti:

  1. Premesso che sono un imbranato cosmico coi social network, non nativo digitale, propenso al pasticcio tra funzioni personali e di promozione del blog... ciò premesso, trovo giusta ma amara la tua scelta obbligata di lucchettare i tweet. E' triste che ci siano persone che credono che il monitor sia uno schermo che permette tutto, che protegge l'arroganza e lascia indifesa la gentilezza.

    Grazie per questo ulteriore spazio

    Marco

    RispondiElimina
  2. Caro Marco, il mio blog è il tuo blog. Può prenderti tutto lo spazio che ritieni giusto. La mia scelta è stata amara, soprattutto per me che ero così affezionata al mio account. Utilizzerò questo secondo account sicuramente in maniera più furba, consapevole delle esperienze precedenti.

    RispondiElimina
  3. io temo soltanto una tassa sugli accaunt, diventerei povero tutto d'un tratto ;-)

    RispondiElimina
  4. Tranquillo è tutto aggratisse! ;)

    RispondiElimina
  5. c'era una volta una giovane.... diciamo una ragazza di mezza età... :P

    RispondiElimina
  6. [...] This post was mentioned on Twitter by deliratamente, deliratamente. deliratamente said: Spero che ora sia tutto più chiaro! "La mia storia su twitter: ciù accaunt is megl che uan!" http://t.co/WPoSayV #newpost [...]

    RispondiElimina
  7. Ehi giovine, porti rispetto! :P

    RispondiElimina
  8. Da follower (ecco, mi sono oggettivato, che palle) accettato da sissettina80, mi chiedo: ma è una scissione tra Silvia e "l'impresa"? Perché io, come "nonbastasuonare" (l'impresa) avverto l'esigenza di dissociare Gabriele. (Ah, piacere, sono Gabriele!)

    RispondiElimina
  9. La tua storia è simile alla mia (ex @spherecode ora @sphrcd). Continua così, ci piaci anche in versione lucchettata!!!!

    RispondiElimina
  10. Grazie! e a me piaci anche senza le vocali! ;)

    RispondiElimina
  11. No io non mi dissocio da me stessa, anzi! mi faccio riconoscere in entrambi gli account. Io sono Sissettina e ho una DelirataMente che permetto di leggere a tutti. ;)

    RispondiElimina
  12. Apriti anche 3000 account.... basta che mi aggiorni però! cosi ti seguo....
    te sei una bella e simpatica, ci vuole mica è facile...!!!

    RispondiElimina
  13. Grazie!comunque sono solo due: @Sissettina che ora è tornata ad essere @Sissetta80 perché sono riuscita a riprendermi il mio vecchio nick e @DelirataMente. :D

    RispondiElimina